CHI SIAMO

L’Associazione Culturale de iVisionari nasce grazie all’incontro di tre faentini – Maria Erbacci, Carlo Conti e Lorenzo Gaudenzi – appartenenti non solo a generazioni differenti ma anche a distinti percorsi artistico – culturali legati però da una quasi decennale passione per la fotografia e la sue diverse applicazioni artistiche. Ed è proprio l’amore per l’espressione artistica legata alla fotografia a far sì che Maria, Carlo e Lorenzo, decidano di fondare un’associazione  senza scopo di lucro come iVisionari che si proponga di promuovere qualsivoglia attività culturale direttamente o indirettamente legata all’arte fotografica, dedicandosi a mostre, proiezioni ed eventi che utilizzino l’arte grafica e fotografica per la creazione di eventi multimediali.

L’Associazione Culturale de iVisionari, all’alba della sua fondazione, grazie al patrocinio del Comune di Faenza e di Aidama (Associazione Italiana degli Autori di Multivisione Artistica) e in collaborazione con U.O.E.I, Club Alpino Italiano, E. Torricelli e il Parco delle Foreste Casentinesi, ha promosso e organizzato “I VISIONARI 3 – Rassegna di fotografia proiettata ed altro”: un ciclo di incontri estivi sulla fotografia proiettata (ma non solo) che, attraverso quattro appuntamenti serali tra giugno e luglio del 2012 più una speciale serata finale il 30 agosto 2012 (in collaborazione con Compagnia teatrodanza IRIS e la Scuola di Musica G. Sarti), ha permesso di ammirare temi e soggetti legati alla natura, all’esplorazione e all’arte grazie alla fusione tra l’espressione peculiare del soggetto catturato dall’obiettivo fotografico e la visione multimediale. Un viaggio attraverso generazioni differenti che si incontrano per dare vita a un evento tanto suggestivo quanto estremamente contemporaneo.

Ma iVisionari non si fermano e continuano a pensare e organizzare eventi futuri, mostre e conferenze sulla fotografia e tutto ciò che circonda il mondo delle multivisioni.

MARIA ERBACCI  inizia a conoscere l’arte fotografica grazie agli studi condotti con la Professoressa Raffaella Cavalieri presso la Scuola di Grafico Pubblicitario di Faenza dove si diploma nel 2005. Grazie alla conoscenza di Raffaele Tassinari – fotografo professionista faentino – entra in contatto con le tecniche di sviluppo e stampa in bianco e nero, maturando l’esperienza che la porterà ad allestire una camera oscura privata per la sperimentazione e il miglioramento delle proprie doti artistiche. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Bologna e attraverso un percorso di crescita personale e senza fermarsi sull’analogico, Maria si lascia affascinare anche dalle tecniche digitali e del colore, affiancando questa sua passione al lavoro di scenografa realizzatrice – mestiere appreso presso l’Accademia d’Arte e Mestieri dello Spettacolo del Teatro alla Scala di Milano. Attualmente lavora come tecnico di palcoscenico presso “Ravenna Teatro” e “I Teatri” di Reggio Emilia.

CARLO CONTI  da sempre fotografo e poeta dilettante, ma dal 2005, nel momento della transizione dalla fotografia analogica al digitale, viene attratto in particolar modo dalla proiezione fotografica e dalle tecniche multivisive. Con la guida di grandi Maestri, quali Francesco Lopergolo e Roberto Tibaldi, nell’ambito della associazione AIDAMA, costruisce la sua esperienza, partecipando tre volte a Fantadia con proiezioni di viaggio , fantasia e sulle strutture.
Partecipa ad altri Festival di multivisione, a Bra, Trieste, Barge, Meldola.
Carlo ha  organizzato due volte in veste di collaboratore artistico la rassegna iVisionari, nella sua  città,  Faenza. Realizzato spettacoli teatrali con multivisione (Mi chiamo P. , Le rimozioni) in compagnia di splendidi amici e con finalità benefiche. Coordina un altro gruppo di valenti fotografi nella realizzazione del concerto Terra Madre col sassofonista Marco Albonetti e il suo gruppo. Da due anni organizza il Congresso Aidama a Fognano di Brisighella e partecipa felicemente alla vita del Fotocineclub Forlì, ora e del Fotocineclub Pontevecchio, in passato. Progetta la realizzazione di Festival, opere e incontri culturali sul tema della multivisione video fotografica.

LORENZO GAUDENZI lavora come tecnico luci al Teatro Comunale di Bologna,  fotografo autodidatta, ha letto vari tomi e manuali di fotografia, ma deve al passaggio al digitale e a internet molto, tra cui il rapporto quasi quotidiano con  la macchina fotografica. Tiene una sorta di blog per immagini su Flickr  in cui documenta  cose e luoghi della sua vita che ama condividere. È contributor di Fotopedia.

Ha tenuto una mostra di fotografie di musicisti  jazz allo Zingarò di Faenza nel 2010, ha partecipato alla realizzazione di uno dei video del concerto di Marco Albonetti al MIC di Faenza nel 2011, e una mostra all’Art Cafè di Bologna nel 2012. Ha realizzato due multivisioni sulle opere di Mimmo Paladino per la serata Under Construction del 30 agosto 2012 al MIC.  Molte sue foto vengono richieste per pubblicazioni o linkate su siti di tutto il mondo